Greubel Forsey GMT Quadruple Tourbillon

di Valentina Cervelli Commenta

Robert Greubel e Stephen Forsey non deludono mai quando si tratta di segnatempo complicati ed è inutile dire che l’ultimo orologio presentato in tal senso, il Greubel Forsey GMT Quadruple Tourbillon davvero supera ogni possibile aspettativa.

In questo caso però, oltre all’indicazione tridimensionale di una seconda ora rappresentata da un globo che già da sola colpirebbe qualsiasi appassionato, abbiamo anche altri tre tourbillon che fanno la loro bella mostra: insomma il risultato finale è rappresentato da 3 fusi orari e un’ora universale.

A livello tecnico il GMT Quadruple Tourbillon è una rivisitazione della seconda “invenzione fondamentale” del marchio del 2005 con in più un’indicazione multi fuso orario. Ovviamente per ottenere questo risultato i due visionari artisti hanno lavorato sugli spazi, disponendo i tourbillon a coppie, sfruttando la tecnologia del Double Tourbillon 30° dove una prima gabbia inclinata di 30° compie una rotazione in un minuto ed è inserita all’interno di una seconda gabbia, in posizione verticale, che effettua un giro completo in quattro minuti.

Le varie indicazioni, a livello tecnico-estetico corrispondono a diversi indicatori posti sul quadrante in modo tridimensionale: è più semplice mostrare che spiegare la disposizione. Quel che è certo è che il risultato finale, per quanto si parli di un fine esempio di alta orologeria indipendente, non è di certo adatto a tutti esteticamente per via del suo aspetto, ipertecnologico ma non eccessivamente armonioso, ma anche per via del suo prezzo.

Non tutti possono permettersi di spendere 820 mila franchi svizzeri per un segnatempo: vero è al contempo che il Greubel Forsey GMT Quadruple Tourbillon è senza dubbio un pezzo da collezione unico nel suo genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>