Royal Oak Tourbillon Extra-Thin Openworked

di Alba D'Alberto

Ci sono orologi che più di altri riescono a fare la storia per l’eleganza delle forme e anche per la perfezione del movimento. Ecco per esempio le caratteristiche del Royal Oak Tourbillon Extra-Thin Openworked. La presentazione che fa l’azienda di questo particolarissimo prodotto. 

Il tourbillon sfida la gravità, una delle complicazioni più spettacolari di Alta Orologeria, riceve particolare attenzione da parte dei maestri orologiai di Audemars Piguet. Il campo di applicazione della nuova offerta dispone di tecniche di ingegneria eccezionali e di un design estetico audace.

La cassa 18 carati in oro giallo, vetro zaffiro antiriflesso e fondello impermeabile fino a 20 m. Il quadrante è in ardesia grigia traforata, oro giallo per gli indici e lancette Royal Oak con rivestimento luminescente. Anche il bracciale è in oro.

Ad ogni modo, come specifica l’azienda non solo ha l’oro ha sempre simboleggiato ricchezza e potere, ora anche un orologio può essere scelto come simbolo di potere, uno squisito meccanismo preciso e complesso è molto meglio di un gioiello, soprattutto se l’orologio è firmato Audemars Piguet. In genere questo brand porta in campo moltissime edizioni limitate che sono nel mirino dei collezionisti e degli amanti dell’eleganza.

Per esempio, scrive BMW Blog:

Una delle cose migliori di shopping è la possibilità di prenotare l’acquisto delle edizioni speciali, che sono state fatte in quantità molto limitate e non sono più in vendita. Trovare quella gemma rara che semplicemente non si può comprare di nuovo oggi è sempre un momento emozionante. È per questo che Audemars Piguet Royal Oak è così intrigante. Si tratta del padrino degli orologi sportivi di lusso in acciaio, una cosa del genere non era mai veramente stata fatta fino a quando il Royal Oak ha debuttato al 1972 Swiss Watch Show.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>