Romain Jerome Moon Dust-DNA, originalità soprattutto

Romain Jerome Moon Dust-DNA

La ricerca dell’originalità è un punto di vista continuo, che si evolve nel tempo. Anche nel campo dell’orologeria, creare qualcosa di nuovo vuol dire a volte impiegare nuovi materiali, disegnare nuove forme, impiegare gli ultimi ritrovati della tecnologia. Quando si parla dell’accezione più alta dell’orologeria, tutto ciò diventa complicato, poiché ogni forma, ogni materiale, ogni novità deve essere rappresentata dallo stato dell’arte, o quasi, di quanto è disponibile oggi.

Presso Romain Jerome, storico marchio svizzero, hanno ben presente il concetto. Nel Moon Dust-DNA, infatti, troviamo alcune esclusività che rendono questa realizzazione frutto di tanta originalità.

Dedicato alla celebrazione del primo allunaggio della storia, esso è stato oggettivamente fonte di ispirazione per i designer che lo hanno realizzato, soprattutto quando l’occhio cade sul quadrante, in cui troviamo una incisione che rievoca i crateri del nostro satellite naturale. I dettagli sono sorprendentemente realistici, ma è solo l’inizio. Nella ghiera troviamo ad esempio alcuni inserti in carbonio, a cui sono stati aggiunti pezzi reali della navetta spaziale Apollo 11, che portò Armstrong per la prima volta sulla Luna.

Le lancette, in tema col quadrante, riproducono i pannelli solari che alimentano i moduli spaziali nello spazio cosmico, mentre un piccolo quadrante a ore 9 a forma di radar riproduce il punto in cui è avvenuto l’allunaggio, nonché lo scorrere dei secondi. Il cinturino non è da meno a tanta originalità: è stato ricavato da materiali della tuta spaziale utilizzata nella Stazione Spaziale Internazionale, ed è chiuso sui braccetti della cassa dal simbolo del manufattore. La cassa è terminata con un vetro in zaffiro a profilo curvo, antiriflesso e antigraffio, che permette immersioni fino a 50 mteri di profondità.

Il Moon Dust-DNA monta un calibro C22RJ51, elaborato dalla società Concepto, ed è un movimento a carica automatica che ruota alla frequenza di 8 Hz. Le versioni disponibili sono due: una in acciaio lucidato (Steel Mood Silver), e una in nero con inserti in oro rosa (Gold Mood Black). La riserva di carica ammonta a 42 ore, mentre la tiratura di questo pezzo è di sol 1969 esemplari, a perpetua memoria dell’anno in cui avvenne lo sbarco di Armstrong.

2 commenti su “Romain Jerome Moon Dust-DNA, originalità soprattutto”

Lascia un commento