Rolex Oyster Perpetual Datejust Turn-O-Graph, un cronometro per ogni occasione

di Antonino

La serie Turn-O-Graph ha origine nel 1953, quando Rolex presenta il modello contraddistinto dalla referenza 6202. Si trata di un orologio piuttosto versatile, che è adatto ad un pubblico non tropppo specialistico pur conservando aspetti tecnici rilevanti. La produzione, surclassata da modelli specialistici come il Submariner, ha subito parecchi cambiamenti negli anni, come il profilo piatto anziché quello bombato, e il datario a scatto rapido, introdotto nel 1977 con la sigla Datejust.

La serie prodotta attualmente ha aspetti tecnici interessani, come la certificazione C.O.S.C., che nei vecchi modelli era presente solo su rari esemplari, e l’impermeabilità fino a 100 metri, almeno nella nuova versione poiché in precedenza era limitata solo a 50 metri.

La caratteristica principale di questo modello, come si può evincere dal nome, è la ghiera girevole, che permette di effettuare rilevazioni ruotandola in entrambi i sensi. La cassa, come per tutte le “ostriche” ginevrine (Oyster, appunto) non permette ingressi non autorizzati, se non si è riparatori ufficiali, ed è avvitata con una forza di torsione pari a 5 Newton per metro, poiché presenta un profilo zigrinato. L’insieme protegge la cassa da urti ed eventuali infiltrazioni, e lascia tutto il piacere di possedere un movimento “intoccabile” risorosamente Made in Rolex.

Per i materiali Rolex ogi utilizza l’acciaio 904L, molto resistente alle abrasioni che presenta buone caratteristiche di lucentezza. Il cinturino, realizzato da pezzi prodotti da un unico processo di fusione perché non vi siano differenze, seppur microscopiche, nell’aspeto, è costituito da più di 100 pezzi, ed è oggettivamente un capolavoro di tecnica. La fibbia presenta un meccanismo regolabile da chi lo indossa, per adattarsi perfettamente al polso. I materiali sono l’acciaio sopracitato e l’oro, mentre il quadrante è in ardesia (lo stesso con cui si realizzavano le lavagne di un tempo, o i tavoli da biliardo).

Il vetro in zaffiro copre la cassa, il quadrante con la lancetta dei secondi rossa, e il datario dotato di lente di ingrandimento che fanno di questo conografo un oggetto particolarmente cool, pur conservando caratteristiche di eleganza e di possenza, tipiche di Rolex.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>