Panerai Lo Scienziato – Luminor 1950 Tourbillon

di Valentina Cervelli Commenta

Il Panerai Lo Scienziato – Luminor 1950 Tourbillon o Pam 767 è un modello che ha fatto il suo debutto allo scorso salone di Ginevra e come la maggior parte dei suoi colleghi “rivisitazione” di vecchi modelli, grazie ad una forte attenzione ai particolari, non delude.

Nello specifico si tratta di una versione nuova del Panerai Lo Scienziato che debuttò nel 2016 e che ancora una volta omaggia Galileo Galilei attraverso le sue complicazioni. Esso viene considerato dal marchio una “nuova versione esteticamente rivisitata” del PAM 578 dove il blu delle sfere viene ripreso sul rehaut e nelle impunture del cinturino in cuoio nero.  La cassa in titanio è di 47 mm di diametro come quello di tutti i Luminor originali utilizzati dai militari della Marina  e la sua particolarità è di essere stata ottenuta con la tecnologia DMLS, ovvero una stampa 3D realizzata livello per livello con un laser ottico che fonde con altissima precisione la polvere di titanio. Si parla di livelli spessi 0,02 mm uniti uno all’altro nella creazione di una superficie liscia ed omogenea.

Il quadrante nel Panerai Lo Scienziato – Luminor 1950 Tourbillon è il grande assente ma non se ne sente mancanza: è infatti possibile visionare direttamente il lavoro del Calibro di manifattura Panerai P.2005/T a carica manuale scheletrato con ponti e platina in titanio.  Ad ore nove è possibile visionare il quadrante dei secondi mentre ad ore tre indica se l’ora segnata appartiene al giorno o alla notte. Buona anche l’impermeabilità pari a 100 e la riserva di carica di sei giorni. Meno il prezzo, non adatto a tutte le tasche con i suoi oltre 133 mila euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>