Orologio Longines Angolo Orario

di Joel

In edizione limitata, un orologio di grande successo, un modello unico ed irripetibile, dal fascino autentico e dal gusto antico, un orologio di grande prestigio che si prende la scena e caratterizza ogni momento con inconfondibile stile. Una classe innata, e tanto charme da esibire con orgoglio e disinvoltura, impossibile non restare ammaliati, impossibile non conquistare, questo è il senso del Longines Angolo Orario.

Questo modello si ispira a un brevetto d’orologio depositato congiuntamente da Longines e dal comandante P.V.H. Weems. Si trattava di un’invenzione semplice ma decisiva, che permetteva di sincronizzare al secondo l’orologio con un segnale radiofonico mediante la lunetta esterna del quadrante centrale.

Nei primi decenni del secolo scorso queste dimensioni facilitavano la lettura e l’utilizzo dell’orologio in penombra, resistendo alle intense vibrazioni dell’aereo. La grande corona zigrinata offriva inoltre una presa sicura alle dita guantate del pilota o del navigatore.

L’orologio Lindbergh di Longines è quindi ora disponibile con la cassa d’acciaio o in oro giallo 18 carati e indica ore e minuti mediante lancette ”Breguet” in acciaio azzurrato. I secondi spiccano su un quadrante bianco laccato, protetto dal vetro zaffiro.

Oltre ai minuti a ”chemin de fer” e ai numeri romani dipinti di nero, figurano sul quadrante 12 cifre arabe dipinte di blu che servono per calcolare e indicare la longitudine. La sincronizzazione dei secondi con un segnale orario via radio si esegue con l’aiuto del quadrante girevole argentato, posto al centro e dotato di minuti di colore nero e di cifre rosse. Numeri arabi neri e blu spiccano sulla lunetta girevole, che permette di tener conto della variazione quotidiana dell’equazione del tempo.

Quando si solleva il coperchio inciso che funge da fondo cassa, un vetro zaffiro permette di ammirare l’affascinante marcia del movimento. L’orologio Lindbergh di Longines è presentato in un cofanetto esclusivo che contiene anche una preziosa pubblicazione in cui si ripercorre la storia che unisce l’aviatore a Longines.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>