L’equazione del tempo del QP à Équation di Greubel Forsey

di Francesco

Non smette di stupire la maison di Alta Orologeria Greubel Forsey attraverso i nuovi modelli presentati per l’anno 2014. Lo fa, infatti, presso il Salone Internazionale di Alta Orologeria 2014 – SIHH 2014 – dove ha presentato in anteprima un prototipo di una nuova versione che vedremo a breve. 

Si tratta del QP à Équation di Greubel Forsey all’interno del quale trovano posto due delle più antiche complicazioni dell’arte orologiera, come l’equazione del tempo e il calendario perpetuo.

In questo orologio quindi sono più che numerose le indicazione che è possibile ottenere al primo sguardo e per questo notevole è stato da parte della casa di La Chaux-de-Fonds lo sforzo di semplificare ogni indicazione. La corona diventa così bidirezionale e insieme al calibro è stato posto un ulteriore ingranaggio codificatore che regola gli altri meccanismi. Per questo ingranaggio, che agisce su più fronti, regolando mesi, equazioni del tempo, anni bisestili e stagioni, visibili sia dalla parte frontale che dal retro, è stato depositato un brevetto a parte, che garantisce l’esclusiva visualizzazione double face di questo segnatempo.

Il QP à Équation di Greubel Forsey presenta quindi un piccolo quadrantino a ore 3 che offre le indicazione del giorno della settimana, della data e del mese, più le lancette delle ore, dei minuti e dei piccoli secondi. Non mancano poi indicatori per la riserva di carica, l’indicazione degli anni bisestili e l’indicatore per il giorno – notte.

Altre indicazioni, invece, come accennato, sono visibili dal fondello dell’orologio, attraverso cui appare l’anno in 4 cifre, l’equazione del tempo e l’indicatore delle stagioni.

L’orologio ha una cassa in oro bianco da 43,5 mm di diametro e soli 16 mm di spessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>