Junghans Meister Chronoscope Terrassenbau

di Valentina Cervelli Commenta

Junghans Meister Chronoscope Terrassenbau: una serie che nasce per celebrare  il centenario della costruzione delle terrazze di Schamberg e sede del marchio. E come era giusto aspettarsi, i due modelli creati hanno tutte le carte in regola per venire ricordati.

Si parla (ovviamente) di un’edizione limitata a solo 100 esemplari per ciò che riguarda Junghans Meister Chronoscope Terrassenbau con cassa in oro 18k: il modello è  dotato di un quadrante color champagne ispirato al colore delle scale che portano in cima all’edificio a terrazze. Limitata anche la distribuzione del Meister Chronoscope Terrassenbau con cassa in acciaio e quadrante Argenté opaco: in questo caso però si parla di mille esemplari.

La linea Meister del marchio è da considerare praticamente un evergreen che negli anni si è modificata per rimanere sempre attuale pur non cambiando la sua struttura principale: oggi i suoi orologi sono accessori di classe dotati di scala telemetrica e aspetto vintage.  Entrambi gli orologi possono contare su una cassa di 40,7 mm di diametro con incisione al laser del numero progressivo dell’edizione limitata, un’impermeabilità di 30 mt e
ed all’interno un calibro meccanico automatico J880.1 caratterizzato da una riserva di carica di 48 ore. Le lancette sono trattate con SuperLuminova Ecologica per essere maggiormente visibile ed a completare il tutto vi è un cinturino in cuoio di alligatore verde con impunture verdi.

I due orologi sono perfetti per essere indossati in qualsiasi occasione, sia essa elegante che informale grazie ad un design semplice ma ricercato. Il prezzo è, nonostante tutto abbastanza accessibile: 7.950 Euro per il modello in oro e 2.140 euro per quello in acciaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>