DiaMaster Ceramic Automatic Skeleton Limited Edition di Rado

di Francesco

Baselworld 2014, il più importante appuntamento a livello internazionale con le innovazioni dell’orologeria ha visto anche quest’anno una serie di novità sensazionali in fatto di segnatempo speciali. Fra queste meritano senza dubbio una menzione i nuovi orologi scheletrati presentati da Rado, marchio orologiero famoso per la particolare formulazione della cassa, realizzata in ceramica hi – tech. 

Breve storia degli orologi Rado attraverso le sue innovazioni

Gli orologi scheletrati che Rado ha presentato a Baselworld 2014 sono i nuovi modelli DiaMaster Ceramic Automatic Skeleton Limited Edition, tre pregiate edizioni limitate abbastanza diverse tra loro. La ceramica hi – tech in questi orologi è stata utilizzata non solo per la cassa, che presenta una finitura lucida di colore nero, una sorta di marchio di fabbrica della casa, ma anche per il bracciale nelle versioni in cui è compreso.

La ceramica del Rado HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer

Mentre però la cassa presenta una finitura completamente lucida, il bracciale unisce elementi lucidi ad elementi opachi. Una particolarità di questi orologi è poi quella di aver subito un trattamento al plasma. Dopo la creazione di ogni singolo componente quest’ultimo viene informato per un’ultima volta ad una temperatura di 900 gradi centigradi. Il segreto del plasma è quello di conferire il tipico colore grigio a questi orologi, di tono quali metallico.

La cassa di questi orologi che montano un calibro particolare che si adatta alla scheletratura misura 41 mm di diametro e presenta sul fondello una particolare incisione che riporta il numero della serie limitata del pezzo. Per ogni versione, infatti, nera lucida, plasma o pelle, sono stati costruiti solo 500 pezzi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>