Chopard celebra i suoi Happy Diamonds

di Alba D'Alberto

Chopard ha celebrato il 40° anniversario dei celebri diamanti Happy Diamonds, con un frizzante cocktail party che si è tenuto durante la fiera di Basilea. Ecco di quali gioielli indossabili stiamo parlando. 

Gli Happy Diamonds sono dei piccoli diamanti che dal 1976 hanno illuminato le omonime creazioni della maison. Si tratta di piccoli diamanti mobili che sono stati al centro della scena quando si è parlato di collezioni di orologi e gioielli preziosi e festosi.

In occasione dei loro 40 anni, Chopard ha deciso di rivisitare il modello iconico lanciato di segnatempo in occasione della loro creazione. Da sempre i gioielli mobili sono stati al centro di una serie di creazioni originali, più volte rimaneggiate. Come spiega FashionMag:

Il primo modello Happy Diamonds era un orologio per uomo, di grandi dimensioni, con cassa e bracciale in oro bianco 18 ct e quadrante nero che valorizzava in modo straordinario i primi diamanti mobili. Questo modello iconico, che nel 1976 si era aggiudicato il prestigioso premio della Rosa d’Oro di Baden Baden, ha ispirato il segnatempo che celebra i 40 anni dell’invenzione dei diamanti mobili.

Riprendendo la forma coussin iniziale, ma destinato alla clientela femminile, l’orologio Happy Diamonds di oggi è un orologio gioiello prezioso, vintage e contemporaneo. I diamanti incastonati su griffe che impreziosiscono il giro del quadrante definiscono le linee del segnatempo. Nuovi diamanti mobili volteggiano sullo sfondo di madreperla bianca perlata. Per la prima volta in un orologio Happy Diamonds, le gemme si muovono in tutta libertà attorno al quadrante, sono più numerose, più grandi e di diverse dimensioni, accentuando l’impressione di movimento e di profusione. All’interno di questa zona, un secondo mini quadrante, anch’esso con bordo di diamanti, ospita le lancette dell’orologio. Questo prezioso segnatempo si traduce anche in una versione rotonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>