Cartier Rotonde de Cartier Skeleton Mysterious Double Tourbillon Limited Edition

di Valentina Cervelli

Cartier Rotonde de Cartier Skeleton Mysterious Double Tourbillon Limited Edition: un nome lunghissimo per un orologio di marca di quelli che racchiudono in uno stesso scrigno bellezza, linee incredibili e un costo decisamente proibitivo per la quasi totalità degli appassionati.

C’è chi ha definito questo nuovo modello Cartier ipnotico: di certo quando verrà presentato al Salone di Ginevra il prossimo gennaio lascerà senza parole moltissimi estimatori.  A partire dalla sua cassa in platino dal diametro di 45 millimetri di diametro e 12,5 di spessore. Nel nuovo Cartier Rotonde Skeleton Mysterious Double Tourbillon, certificato “Poinçon de Genève”, non manca poi il consueto cabochon in zaffiro blu incastonato nella corona a ore 3, una delle “firme” più interessanti della Maison.

L’interno dell’accessorio è entusiasmante tanto quanto la sua estetica: il calibro manuale 9465 MC (286 componenti di cui 26 rubini, 3 Hz, riserva di marcia di 52 ore, N.d.R.) è una diretta celebrazione all’originale del 1912 nato dalla collaborazione tra Louis Cartier e Maurice Coüet. In questo caso il movimento, creato nel 2013, ha i componenti tutti rifiniti a mano e sfoggia un doppio tourbillon volante a ore 6: ovviamente sul quadrante sono presenti i ponti scheletrati che ricordano i numeri romani per la lettura delle ore. Una scarsa impermeabilità a 30 m è l’unico vero difetto per un orologio che può contare su un  cinturino in pelle di alligatore di colore blu con fibbia in oro bianco 18 carati. Gli esemplari di questa edizione limitata sono 30, ad un prezzo di 183 mila euro che sale a 449 mila se si vuole la lunetta arricchita con diamanti taglio baguette.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>