50 pezzi in oro rosa dedicati a John Harrison

di Alba D'Alberto

La storia degli orologi che vi proponiamo oggi, affonda le sue radici nel 1700 ed è ricca di fascino, di artigianato, di dedizione al lavoro di precisione. Non si poteva che celebrare il tutto con una mostra.

Nel 1714 il governo britannico costituì la Longitude Act che serviva per lanciare un concorso riservato agli inventori. L’obiettivo, già nel 1700 era quello di avere degli strumenti in grado di calcolare precisamente la posizione delle navi in mare. Il pratica il governo britannico voleva che nel 1700 si creasse il GPS.

Tra le tante invenzioni fu scelta quella di John Harrison, un falegname di professione con il pallino dell’orologeria che creò in quell’occasione uno strumento di calcolo delle longitudini marine.

Così come arrivò all’epoca il premio per Harrison, arriva adesso un riconoscimento al suo genio. È stata creata infatti una collezione Girard-Perregaux Traveller Grande Data, Fasi Lunari & GMT cui è stata affiancata una serie limitata di lusso, in oro rosa. Sono soltanto 50 pezzi, tutti intitolati a John Harrison con riferimenti al meridiano di Greenwich, ai fusi internazionali e a tutto ciò che può creare ordine nel mondo.

Ecco i prezzi preannunciati e la galleria delle immagini:

Di seguito il prezzo al pubblico (IVA compresa) di questo modello:
a. 49655-52-631-BB6A – Traveller grande data, fasi di luna e GMT, quadrante nero, oro rosa – Euro 29.800
b. 49655-52-131-BB6A – Traveller grande data, fasi di luna e GMT, quadrante argenté, oro rosa – Euro 29.800
c. 49655-11-132-BB6A – Traveller grande data, fasi di luna e GMT, quadrante argenté, acciaio – Euro 14.500
d. 49655-52-133-BBBA – Traveller grande data, fasi di luna e GMT, quadrante argenté, oro rosa (John Harrison – Edizione limitata di 50 pezzi) – Euro 31.400

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>