Vacheron Constantin Patrimony Calendario Perpetuo Ultrapiatto

di Valentina Cervelli Commenta

Il Vacheron Constantin Patrimony Calendario Perpetuo Ultrapiatto rappresenta senza dubbio un fine esempio di estetica e tecnologia espresse al top delle loro possibilità: eleganza e meccanica complicata sono le protagoniste indiscusse in questo orologio.

Il tutto contenuto, tra l’altro, in una cassa sottile in oro rosa che contrasta perfettamente con un quadrante blu, creato in esclusiva per la collezione Patrimony. E’ abbastanza palese che la Vacheron Constantin non si sia posta limitazioni di alcun genere per mettere a punto un simile modello, soprattutto se si pensa che a muovere il tutto è stato inserito il calibro ultrapiatto 1120 QP a carica automatica: una scelta davvero azzeccata per garantire precisione e tecnica all’avanguardia.

Tornando sull’estetica del Vacheron Constantin Patrimony Calendario Perpetuo Ultrapiatto è impossibile non notare come la cassa in oro rosa da 41 mm rappresenti la scelta migliore per questo segnatempo: l’effetto cromatico raggiunto è così armonioso da rendere l’intero orologio una piccola opera d’arte nella loro semplicità. Il quadrante con finitura a soleil del quadrante presenta tre quadrantini leggermente incassati che indicano  data, giorno, mese mentre una finestra a ore 6 mostra le fasi lunari con il satellite rappresentato in oro con tanto di crateri riprodotti. Anche indici, sfere e minuteria sono stati prodotti in oro rosa. Completano il tutto un’impermeabilità pari a 30 mt di profondità, 40 ore di riserva di carica ed un cinturino in pelle di alligatore blu scuro per un prezzo totale di 81 mila euro.

Un orologio che senza di dubbio non possono permettersi in molti che ma che esprime al top le sue caratteristiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>