Le scheletrature del RM 56-02 Sapphire Tourbillon di Richard Mille

di Francesco

Se si vogliono elencare gli orologi con tourbillon più innovativi del 2014 non si può non nominare Richard Mille e le sue creazioni. Il nome di Richard Mille nell’orologeria evoca una serie di successi volti a spingere sempre oltre i limiti della complicazioni orologiere.  

Orologio Richard Mille RM 56-01 Tourbillon Zaffiro

Al SIHH 2012, ad esempio, Richard Mille ha presentato un  tourbillon con cronografo rattrappante chiamato RM 56, la cui principale caratteristica era rappresentata dalla presenza di una cassa completamente realizzata in cristallo zaffiro, totalmente trasparente, a cui fece seguito, l’anno seguente, una ulteriore variante, l’RM 56 – 01 in cui era stato realizzato nello stesso materiale anche la platina principale dell’orologio, il ponte centrale e la terza ruota.

Orologio Richard Mille RM 27-01

In questo post vogliamo invece parlare della creazione che nel corso del 2014 ha portato avanti l’innovazione nel campo dell’orologeria. Si tratta del RM 56-02 Sapphire Tourbillon, una cui riproduzione potete ammirare in foto, che si fa notare non solo per la cassa realizzata sempre in cristallo zaffiro, ma anche per avere una platina in titanio, ripresa da un altro modello della Maison, sospesa ad un sistema di cavi particolarmente ingegnoso.

Alla cassa, creata in circa 960 ore di lavoro, si agganciano dei cavi in titanio dello spessori di soli 0,35 mm ciascuno. Il titanio utilizzato per la platina è invece un titanio grado 5.

L’unico elemento non sospeso di questo orologio viene così ad essere il cinturino, che sembra essere l’unico elemento fisso della composizione. L’orologio verrà prodotto in serie limitata, per un totale di soli 10 esemplari, venduti ciascuno ad un prezzo di 2 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>