Rolex orologi, la storia dei bracciali (prima parte)

di Valeria

Il bracciale, o cinturino che sia, è un elemento fondamentale per qualsiasi orologio da polso. Quelli dei Rolex orologi, poi, hanno alle spalle quasi una storia a parte che percorre, fianco a fianco, i modelli più amati e più celebri dello storico marchio.

I primi bracciali di concezione moderna dei Rolex orologi risalgono a tempi lontanissimi. Siamo intorno al 1930, quando le aziende Gay-Frères e Bonklip danno il via a questo settore realizzando un particolare modello denominato bamboo. Il bracciale in questione presenta una fattura semplice ed essenziale: maglie piatte agganciate tra loro con chiusura caratterizzata da lamella metallica che va ad incastrarsi tra le singole maglie.

Con il tempo, vi è anche l’introduzione di una nuova chiusura a scatoletta in tre parti.

Prodotto in acciaio, acciaio/oro e in oro con diverse carature, il bracciale bamboo va ad unirsi soprattutto ai modelli Prince e Bubbleback.

Anni Quaranta. Gay Frères introduce il nuovo modello grana di riso. La caratteristica principale sta nelle maglie ovali disposte su file ed interconnesse tra loro che donano, a chi lo indossa, un grande comfort. Di contro, però, vi sono i costi alti di produzione che spesso portano i bracciali su citati ad avere un prezzo simile all’orologio completo.

Se la produzione dei modelli bamboo e grana di riso termina più o meno nel Dopoguerra, è proprio in questo periodo che nasce la liason tra Rolex e il produttore Mecan. Dal binomio vincente, appare il primo bracciale in stile Oyster a rivetti. Si compone di 12 maglie estensibili di larghezza costante – in questo caso 16mm – con chiusura a scatoletta. Bracciali del genere vengono utilizzati sorattutto per i modelli Bubbleback.

Ma è solo nel 1947 che Rolex orologi registra il brevetto per il primo vero bracciale Oyster rivettato. Ora non vi sono più le maglie a larghezza costante, semmai queste sono rastremate verso la scatoletta di chiusura. la prosuzione vera e proria, invece, segna l’anno 1948.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>