L’innovazione del Rado HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer

di Francesco Commenta

rado

Immaginate un orologio elegante, innovativo, altamente tecnologico e curato nei dettagli. State sicuramente pensando ad un orologio Rado, il marchio che si distingue proprio per queste caratteristiche. Tra i modelli che la casa orologiera ha presentato in occasione della grande mostra di Basilea del 2014, l’appuntamento annuale di Baselworld con l’alta orologeria e la gioielleria, c’è anche il Rado HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer

I nuovi modelli della collezione Rado HyperChrome Court Automatic

Una delle caratteristiche principali di questo modello è la presenza di una doppia modalità touch, che viene impiegata questa volta anche per la gestione di un secondo fuso orario sull’orologio. La Maison infatti non è nuova all’impiego di questa tecnica nei suoi segnatempo, per i quali le possibilità si fanno ora anche più complesse.

>  Anteprima Baselworld 2014, Rado Esenza Ceramic Touch Fibonacci con Diamanti in edizione limitata

Anche in questo modello viene riproposta poi la ceramica hi -tech e il design si ispira a quello ormai abbastanza familiare dell’HyperChrome, ma si fa a meno della corona, che viene appunto rimpiazzata dalle funzioni touch. 

Il secondo fuso orario viene racchiuso nel piccolo secondo quadrante disposto ad ore 6. Le regolazioni in questo orologio avvengono interagendo con la cassa, nella parte superiore e sul lato sinistro e destro, sia per le ore che per i minuti. Altra piccola ma utile particolarità è la sincronizzazione tra le lancette dei minuti di entrambi i fusi orari.

Il secondo fuso orario si regola invece attivando la regolazione sul lato inferiore della cassa e procedendo come nel primo caso. I due fusi orari possono anche essere facilmente scambiati sempre con un touch.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>