Lancette, scanalature e firma segreta sugli orologi Breguet

di Alba D'Alberto Commenta

Siete a conoscenza della firma segreta apposta sugli orologi Breguet? Pensate davvero che siano soltanto orologi eleganti senza segni particolari? Allora non avete ancora preso coscienza della bellezza delle lancette e delle scanalature. Ecco quel che l’azienda racconta dei suoi prodotti. 

Le lancette

Le famose lancette Breguet, à pomme decentrata e svuotata, caratterizzano da due secoli e più i prodotti della marca. Disegnate intorno al 1783, queste lancette di nuovo tipo seducono a colpo d’occhio per la loro eleganza, e incontrano un successo immediato. Gli orologiai prendono ben presto l’abitudine di chiamarle lancette Breguet. Sobrie ed estremamente visibili, esse ornano la maggior parte dei modelli Breguet e sono imitate ancor sempre in tutto il mondo.

Le scanalature

Le scanalature, sottili striature praticate sul telaio della cassa e ornate da due filetti sovrapposti, sono parte integrante degli elementi decorativi sobri e raffinati che caratterizzano lo stile Breguet. Come in molti modelli antichi, la maggior parte degli attuali orologi Breguet possiede una cassa dal telaio scanalato: un tratto estremamente distintivo. La scanalatura tipica delle casse Breguet viene ottenuta mediante un procedimento chiamato écrouissage, che consiste nella laminatura a freddo dell’oro e nella lavorazione a mano su un supporto meccanico fisso.

La firma segreta

signature

Le creazioni Breguet riscontrano un grande successo, e fatalmente sono prese di mira dai contraffattori. Per combattere questo fenomeno, Breguet introduce nel 1795 la firma segreta. La firma viene eseguita sul quadrante ed è quasi invisibile, a meno di osservarla a luce radente. Ancor oggi questa firma impreziosisce la maggior parte dei quadranti Breguet, e resta una garanzia di autenticità.

Tutto il resto è visionabile sul sito ufficiale dell’azienda

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>