Jaeger-LeCoultre Master Grande Tradition Gyrotourbillon Westminster Perpétuel

di Valentina Cervelli Commenta

Jaeger-LeCoultre Master Grande Tradition Gyrotourbillon Westminster Perpétuel: un nome importante per un orologio che di certo al SIHH 2019 si è fatto notare sia per la sua immensa tecnologia sia per il suo aspetto davvero particolare.

E’ senza dubbio considerato uno dei segnatempo più complicati apparsi quest’anno al Salone di Ginevra e sicuramente uno dei modelli che più vogliono lasciare intenzionalmente il segno.  Il Jaeger-LeCoultre Master Grande Tradition Gyrotourbillon Westminster Perpétuel è il quinto tourbillon multi assiale della Maison e la sua ripetizione minuti è accompagnata dalla melodia Westminter, in pratica quella del Big Ben. Se questo non basta a stupirvi, tra le sue caratteristiche principali vi è quella che il tourbillon prevede un meccanismo a forza costante di un minuto, e la ruota dei minuti salta ogni 60 secondi, così come la lancetta ad esso collegata e che dire del Gyrotourbillon che come il suo nome indica ruota su più assi?

Da qualsiasi punto di vista lo si osservi questo orologio è unico nel suo genere, soprattutto perché rispetto ai precedenti modelli con simili caratteristiche lo stesso risulta più facilmente indossabile: le sue dimensioni sono decisamente accettabili con la sua cassa in oro bianco dal diametro di 43 mm e lo spessore di 14,08 mm. Il calibro 184 in house è a carica manuale e l’impermeabilità di 3 bar per quanto non amplissima si adatta perfettamente a soddisfare le esigenze di questo modello.  La riserva di carica è pari a 52 ore ed il quadrante è smaltato blu con lavorazione guilloché o argentato grené, Attenzione si tratta di un’edizione limitata a 18 esemplari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>