IWC Aquatimer deep two: quando il lusso si tuffa in acqua

di Joel

Ecco il segnatempo perfetto per chi ama orologi che riescono a  coniugare linee invidiabili e alte performance professionali. L’ocasione del 19° Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra è servita alla IWC Schaffhausen per presentare l’innovativo Aquatimer Deep Two, dotato di rilevatore meccanico della profondità.

Agli amatori dello scubadiving che non vogliono rinunciare a un oggetto di alta classe nemmeno durante l’esplorazione dei fondali marini, Aquatimer Deep Two saprà garantire un comfort d’utilizzo che pochi riescono a eguagliare. La grande peculiarità di questo orologio subacqueo è il suo profondimetro capace di indicare la profondità effettiva del sub (grazie al prezioso lavoro della lancetta blu) e la massima profondità raggiunta (grazie, in questo caso, alla funzione della lancetta rossa).

Il meccanismo di misurazione si avvale dell’ausilio di una membrana del tutto indipendente dal movimento e collocata in una corona addizionale posta sulla parte sinistra della cassa. L’indicazione di massima profondità raggiunta può essere resettata premendo l’apposito pulsante posizionato sotto la corona di sinistra. Nonostante esistano orologi subacquei capaci di assicurare un’ottima resistenza a profondità ben più elevate dei 120 metri garantiti per l’Aquatimer Deep Two, questo segnatempo semi-professionale rimane una scelta di altissima classe e qualità.

Le dimensioni di questa referenza  IW354702/01 sono notevoli con una cassa in acciaio inossidabile di ben 46 millimetri di diametro. Il movimento protetto all’interno di essa è un automatico calibro 3011 con un’autonomia di marcia di 42 ore. La lunetta rotante incornicia un quadrante altamente leggibile equipaggiato di lancette e indicatori luminescenti.

Questo modello è disponibile nella versione con bracciale in acciaio (IW354701) o in gomma nera (IW354702) per il massimo comfort durante l’immersione. Per chi si vuole distinguere in maniera indistinta sia sopra che sotto la superficie del mare non resta che affidarsi a una massima che, in quanto tale, è sempiterna: Aquatimer Deep Two, la classe non è acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>