Greubel Forsey e l’arte d’inventare orologi di qualità

di Alba D'Alberto

A produrre orologi, probabilmente, sono bravi tutti o comunque tutti quelli che si dedicano all’arte orologiaia, ma inventare orologi è qualcosa che va oltre la semplice riproduzione del meccanismo e se c’è un marchio che sta legando la sua storia all’arte di inventare orologi di altissima qualità, questo marchio è Greubel Forsey

Greubel Forsey in dieci anni di attività ha posto le basi per una rivoluzione nel modo di concepire l’orologeria contemporanea realizzando delle invenzioni interessanti. A voler contare le sue creazioni sono soltanto sei ma poi c’è da aggiungere alla lista anche la collezione di segnatempo particolari e circa 20 brevetti registrati. Tra i segnatempo più famosi il Quantième Perpétuel à l’Équation.

Robert Greubel e Stephen Forsey hanno deciso di lanciarsi nella sfida di reinterpretare il calendario perpetuo che, notoriamente, tra le complicazioni orologiere è uno dei più affascinanti perché conferisce al segnatempo una seconda funzione importantissima e filosofica nel suo piccolo. L’orologio con il calendario perpetuo serve ad andare oltre la dimensione classica del “qui e ora” assicurandosi una persistenza per tutto il futuro che chi lo indossa gli metterà a disposizione.

L’idea del calendario perpetuo affascina gli orologiai da sempre, dal 1794 dice la storia. Il Quantième Perpétuel à l’Équation di Greubel Forsey è realizzato in oro bianco e ha un calendario perpetuo con tourbillon a 24 secondi inclinato di 25°. Indica le stagioni, i solstizi, gli equinozi, indica giorno e notte ed ha una carica di 72 ore. Questo strepitoso orologio è costruito in piccole serie e infatti il suo costo è estremamente alto: 670.000 euro ma si sa, oggi gli orologi possono essere anche un buon investimento.

Il retro di questo Greubel Forsey mostra tutte le parti del movimento, il calibro GF07 a carica manuale e mostra la differenza tra tempo solare e ora convenzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>