DTE celebra il 250° anniversario della Maison Arnold & Son

di Francesco

Il 2014 è anche l’anno in cui l’antica casa di alta orologeria Arnold & Son festeggerà il suo 250° anniversario. Per questo motivo e soprattutto per ricordare il genio visionario del suo fondatore John Arnold, la Maison presenterà al Baselworld 2014 un pezzo celebrativo, il segnatempo dal sapore antico DTE – Double Tourbillon Escapement. 

L’evento 2014, quindi,  sarà reso ancora più importante da questa ricorrenza, che vuole celebrare tutta l’inventività della casa, così come fondata dal suo creatore. Non a caso il DTE si presenta a prima vista già come un orologio complicato, che presenta sul quadrante il suo superbo meccanismo a vista e il doppio scappamento a tourbillon che conferisce il proprio movimento al doppio fuso orario.

Nel quadrante di questa opera di alta orologeria si possono osservare in verità due quadranti più piccoli, disposti ad ore 12 e ad ore 6, ognuno dei quali indipendente dall’altro e mosso dal proprio movimento. La casa, in verità, fin dalle origini appassionata delle complicazioni meccaniche, presenta come un vanto ancora una volta tutta la maestria racchiusa nel tourbillon a vista, che venne da John Arnold adottato per la prima volta proprio ai tempi di re Giorgio III.

Non a caso John Arnold è stato anche intimo amico di Breguet, il fondatore dell’omonima casa di alta orologeria. Al di là della precisione meccanica, tuttavia, questo orologio risalta anche per la raffinatezza estetica che presenta nel grande quadrante una decorazione verticale a Côtes de Genève e cassa in oro rosso con doppia corona, una per ogni quadrantino più una per la carica.

Nell’immagine generale risalta il ponte del doppio toubillon decorato da rubini e le doppie lancette in acciaio azzurrato con punte a freccia, scheletrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>