Bremont Codebreaker, un punto di svolta nella storia orologiaia

L’azienda Bremont ha fatto registrare un record di vendite nel 2014 e questo fa sperare al brand di bissare i risultati positivi anche l’anno prossimo. Intanto con il Bremont Codebreaker, questo marchio prova a conquistarsi un posto d’onore tra gli orologi indimenticabili. Ma che avrà di particolare il Codebreaker?

Bremont è un’azienda inglese che riesce ad imporsi anche sul mercato degli orologi nel suo paese dominato dai prodotti svizzeri. Il Bremont Codebreaker come dice il nome stesso, è stato pensato per commemorare l’apertura del codice segreto usato durante la Seconda Guerra Mondiale. L’azienda spiega che il cronografo in questione non ha come obiettivo soltanto quello di segnare il tempo ma anche d’imporsi nel tempo. Si tratta di un orologio prodotto in edizione limitata che nasce dall’unione d’intenti della Bremont e della Bletchley Park Trust.

Bletchley Park è uno dei più grandi segreti della Seconda Guerra Mondiale, rimasto tale per decenni, almeno fino al 1974 quando il codice è stato reso pubblico. Tanto per fare un po’ di storia, il team di Bletchley Park aveva il compito di decifrare i messaggi in codice dei nemici per fare in modo che gli alleati avessero un vantaggio sul campo.

L’orologio Codebreaker allora è commemorativo ma contiene al suo interno un pezzo di storia. Ogni orologio infatti ha un movimento automatico che ricorda gli sforzi d’interpretazione del codice segreto. La parte retrostante è un campionario di tecnologia visto che è progettato per riflettere un dispositivo elettromeccanico che è la base di un progetto di Alan Turing che faceva parte del team Bletchley Park. 

1 commento su “Bremont Codebreaker, un punto di svolta nella storia orologiaia”

Lascia un commento