Antoine Martin presenta il Tourbillon Astronomique – Masterpiece N. 1

di Francesco

Una delle novità presentate nella grande cornice di Balselworld 2014, la più importante mostra evento per l’orologeria e l’alta orologeria al mondo, è stata una delle geniali creazioni di Martin Braun, tra gli orologiai oggi più creativi dei nostri tempi.  Il pezzo presentato si chiama Antoine Martin Tourbillon Astronomique, altrimenti noto anche come Martin Braun Masterpiece N. 1, che potete osservare in foto in tutta la sua bellezza e il suo splendore. 

Sauterelle à Lune perpétuelle di Andreas Strehler

Si tratta di un orologio più che completo, all’interno del quale vengono inserite numerose complicazioni, che fanno funzionare il pezzo quasi come un astrolabio da polso. La meccanica di questo orologio, infatti, è la sua attrazione principale, ma anche l’estetica è stata curata nei minimi dettagli, affinché tutti gli indicatori risultino armoniosi tra di loro.

Le fasi lunari in 3D del Vinceterra Luna

E’ un segnatempo che gioca con l’astronomia e proprio per questo motivo accoglie ad ore 6 un tourbillon volante, all’interno del quale è però inserito uno scappamento con elementi in silicio che rende possibili le altre complicazioni inserite. Il creatore di questo orologio ha inserito nella meccanica alcuni dei suoi must specifici, come il calcolo di alba e tramonto e il calendario perpetuo.

Altra particolarità più unica che rara è costituita dal fatto che gli indicatori non sono concentrati solo sul grande quadrante, dove trovano posto i tempi di alba e tramonto, il segno zodiacale e la stagione correnti, la data, l’equazione del tempo e le fasi lunari retrograde oltre che giorno e notte, ma anche sul fondello, dove troviamo l’indicatore della riserva di carica, la declinazione e la linea dell’ombra polare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>