Ortis Artelier Calibro 113 tra le novità di BaselWorld 2017

di Valentina Cervelli

Baselworld 2017 sarà teatro di molti debutti ufficiali. Tra di loro vi quello di Oris Artelier Calibro 113, il quarto di una serie di orologi innovativi che montano movimenti pensati e realizzati direttamente dal brand che dà loro il nome.

A livello tecnico la prima cosa da sottolineare di questo modello è che il suo Calibre 113 condivide la stessa architettura di base dei movimenti Oris Calibre 110, 111 e 112, con una differenza sostanziale: l’essere dotato di un calendario lavorativo che non solo segna giorno, data e mese ma anche il numero della settimana dell’anno in cui ci si trova. Non è un elemento questo da considerare come irrilevante. Tutto ciò viene considerato dal marchio, e giustamente, come l’ennesimo tassello di un percorso vincente iniziato con la fondazione di Oris nel 1904: è impossibile non tenere conto che già nel 1970 i suoi specialisti erano stati in grado di creare 279 calibri di manifattura. Molto è stato investito su sviluppo ed innovazione al fine di presentare degli orologi e dei cronografi all’avanguardia ed avanzati.

Oris Artelier Calibre 113 è un accessorio di lusso interessante ed elegante: conta su una cassa in acciaio da 43 mm di diametro e l’organizzazione delle sue funzioni non si può di certo definire noiosa visto che la data è in una finestrella posizionata appena sotto le ore 9 e si interseca con il quadrante più minuto dei piccoli secondi. Ad ore 3 una lancetta “descrive un arco di 240° marcando la riserva di carica di ben 10 giorni“, ed appena sopra al centro del quadrante un’altra finestrella indica il giorno, mentre una lancetta centrale indica sia il mese che il numero della settimana dell’anno. Il quadrante è disponibile sia in antracite che grigio opalino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>