Orologio Audemars Piguet Royal Oak Tourbillon Cronografo Automatico

di Joel

Due in uno: un cronografo dalle mille complicazioni, ma dal design estremamente sportivo. Sono ben 335 gli elementi decorati e smussati che vengono mostrati attraverso il fondello chiuso da un cristallo zaffiro e che animano il calibro 2897 che muove questo gioiello di ingegneria.

Il tutto racchiuso in una cassa ottagonale, la cui parte centrale è in carbonio forgiato, a ghiera rinforzata con innesti in ceramica. Il quadrante a “Mega Tapisserie” è altro motivo – insieme al cinturino di gomma – che simboleggia la collezione orologi Royal Oak Offshore.

Il nuovo movimento meccanico Audemars Piguet 2897 combina tourbillon e cronografo con ruota a colonna in un’architettura che s’ispira al passato, come dimostrano il taglio arrotondato dei ponti, la forma a “S” della leva di smistamento, le curve del ponte che conteggia i minuti, e i denti degli ingranaggi della ruota a colonna.

Tradizione anche nelle rifiniture del calibro, con molti elementi lucidati a specchio, il che dona anche un importante effetto sotto la luce. Particolarità di questo orologio sono le sfumature, eseguite a mano, degli elementi che sono creati grazie al’utilizzo di diverse frese.

I ponti e la platina principale sono rodiati, smussati, perlati, pallinati e adornati con disegni. Quanto ci vuole per mettere su un calibro del genere? Beh, gli orologiai di Audemars Piguet ci impiegano circa due settimane. La ricarica automatica è affidata a una massa oscillante in platino 950 montata su cuscinetti a sfera. perchè il platino? Perché ha un peso specifico particolare che dona particolari proprietà che aumentano la velocità di carica.

Audemars Piguet possiede ben 16 movimenti con meccanismo regolatore a tourbillon, che con il suo ponte in titanio annerito è nella classica posizione a ore 6. Un peso di soli 0.017 g è sufficiente a bilanciare la gabbia che a sua volta pesa solo 0.45 g. Il Calibre 2897 mostra in evidenza la ruota a colonna che serve a smistare le funzioni cronografiche. Per questa soluzione è stata adottata una geniale forcella d’accoppiamento che evita strattoni alla lancetta del cronografo quando inizia il rilevamento dei tempi brevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>