Badollet La Stellaire Tourbillon: il segnatempo che racchiude la magia (e i metalli) dell’universo

di Joel

Il nuovo Badollet La Stellaire Tourbillon a carica manuale ha una caratteristica che lo rende diverso dalla schiacciante maggioranza di tutti gli altri segnatempo. E’ realizzato con i materiali più esclusivi e costosi provenienti sia dalla terra sia dallo spazio esterno. Non è un caso che si chiami La Stellaire, dopotutto.

Da un punto di vista pratico, non c’è alcuna differenza tra un minerale o un metallo che proviene dai monti Urali della Russia e lo stesso materiale che ha viaggiato nello spazio per milioni di anni prima di colpire accidentalmente il nostro amato pianeta terra alla strabiliante velocità del 90% della sua massa vaporizzandosi quasi totalmente nel trapassare l’atmosfera.

Tuttavia, come tutto ciò che ha una storia lunga e poco lineare alle proprie spalle, anche questo tipo di materiale è la testimonianza di un viaggio che è durato un tempo indefinito e che ha portato quella roccia o quel metallo in luoghi tanto sconosciuti quanto affascinanti. Ed è questo a renderlo diverso da qualsiasi altra gemma o lega metallica.

Peraltro, il materiale che proviene dallo spazio è chiaramente scarso in quantità, esattamente come le parti ormai arrugginite del Titanic che giacciono sul fondale marino. Nessuno si sognerebbe di venderle al miglior offerente per la demolizione, questo è certo.

Bene, questa è la ragione per cui Badollet, entrata in una fase di stallo nel diciannovesimo secolo ma risorta con successo dalle sue ceneri un paio di anni fa, ha deciso di utilizzare il metallo proveniente dal famoso meteorite di Cape York per realizzare la base del suo movimento a carica manuale BAD1630.

Ed è per questa stessa ragione che la struttura del tourbillon è stata adornata con gemme che, seppur disponibili qui sulla terra, sono state estrapolate da un misterioso corpo celeste che ha colpito il nostro pianeta.

Potrete osservare il tutto attraverso l’apposita finestra che taglia il quadrante nelle sezioni superiore e sinistra. Con questo Badollet è come se aveste al polso un pezzo di universo. E la sensazione non deve essere niente male.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>