Papr, l’orologio resistente fatto di carta

di Valentina Cervelli

Si tratta di un progetto presentato su Indiegogo, sito per il crowdfunding, che sta attirando notevolmente l’attenzione: Papr in fin dei conti è un orologio fatto di carta, come non si può esserne curiosi al riguardo dato che viene tra l’altro presentato come resistente?

La verità è che per carta, in questo caso, si intende il Tyvek,  un materiale brevettato da DuPont nel 1965: in pratica un tessuto, simile alla carta, realizzato in fibre di politilene. Questo significa avere tra le mani un materiale molto riciclabile e impermeabile: tutte caratteristiche che se parte di un buon orologio ne fanno crescere esponenzialmente il valore. Di certo con Papr non è la prima volta che i fogli di Tyvek vengono utilizzati come accessori: il punto di forza è nella possibilità di tagliare il materiale senza strapparlo, così come dimostrano le borse o i portafogli già in commercio.

 

Papr, tornando a questo a parlare di questo straordinario oggetto, è realizzato sempre in Tyvek, ha un diametro di 21 centimetri e si allaccia al polso grazie ad un passante e una chiusura magnetica, fattore che gli da modo di aderire a questa parte del corpo qualsiasi sia la sua dimensione. Il suo quadrante è molto essenziale: è infatti composto da un orologio digitale con data e ora. Ciò che colpisce davvero, oltre al suo aspetto ed al materiale è la sua autonomia: grazie alla batteria messa a punto essa può durare due anni. E ciliegina sulla torta, sono disponibili almeno 29 varianti: bastano 30 euro per assicurarsene uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>