Zenith El Primero A384 Revival

di Valentina Cervelli Commenta

Un orologio particolare, difficile da dimenticare e celebrativo: lo Zenith El Primero A384 Revival è tutto questo ed ancora di più, nell’anno in cui il brand festeggia il 50esimo anno del suo calibro El Primero e del primo modello che lo ha montato, ovvero El Primero A384.

Il design ovviamente è di quelli che non si dimenticano, a prescindere che piaccia o meno: le sue linee certamente esulano dalla classica cassa rotonda alla quale di solito si è abituati ma senza ombra di dubbio rappresentano ormai un classico per gli estimatori di questo movimento. In fin dei conti il cronografo celebrato è diventato una icona e un pezzo da collezione di quelli più ricercati e non bisogna dimenticare che quando venne presentato riscosse un incredibile successo proprio per la sua composizione innovativa.

Senza dubbio lo Zenith A384 Revival presenta al potenziale cliente quasi tutto quello che avrebbe trovato nella referenza originale, puntando su una componentistica molto fedele: basti pensare che la maison per riprodurre fedelmente gli elementi del segnatempo ha preso e digitalizzato ogni componente. E qui si parla della cassa in acciaio tanto quanto del quadrante. Il primo è caratterizzato da sfaccettatura e da un diametro di 37 mm e da un quadrante con scala tachimetrica laccato bianco e nero. I miglioramenti? Il vetro zaffiro invece di quello acrilico, un nuovo fondello sempre in vetro zaffiro invece che in acciaio massiccio e ovviamente un movimento più performante che in questo caso è l’El Primero 400.

Lo Zenith El Primero A384 Revival è completato da un cinturino in alligatore nero con fodera in caucciù nella stessa tonalità sebbene sia disponibile anche un bracciale in metallo integrato tipo “ladder”. L’impermeabilità è pari a 30 mt di profondità e la riserva di carica è pari a 50 ore: non si tratta di un’edizione limitata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>