Omega Seamaster Planet Ocean Ultra Deep Professional orologio più subacqueo al mondo

di Valentina Cervelli Commenta

E’ un titolo un po’ particolare quello dato all’Omega Seamaster Planet Ocean Ultra Deep Professional, ma come altro definire un accessorio che ha battuto ogni record di immersione.

Ora è ufficialmente questa referenza ad essersi spinta più in là per ciò che concerne la profondità: esso è infatti arrivato a 10.928 metri sotto il livello del mare grazie all’esploratore Victor Vescovo, il quale all’inizio del 2019 si è immerso nella Fossa delle Marianne, diventando il primo uomo ad aver raggiunto sia il punto più alto che quello più basso della terra, superando per ciò che concerne l’immersione Don Walsh e Jacques Piccard, scesi a 10.916 metri a bordo del batiscafo Trieste nel 1960 dotati del Rolex Deepsea Special che dopo più di 50 anni perde il suo primato.

Omega diventa quindi la maison madre dell’orologio più resistente del mondo in immersione ed erano ben tre i Seamaster Planet Ocean Ultra Deep Professional attaccati ai bracci esterni del suo sommergibile. La cosa interessante è che il brand ha creato questi resistentissimi orologi partendo dal Seamaster Planet Ocean  e rielaborandolo sempre di più a livello tecnico: un esempio? L’impiego del titanio (lo stesso del sommergibile, N.d.R.), il modo in cui il cristallo viene attaccato alla cassa, proprio che come si farebbe con gli oblò di un sommergibile e che Omega potrebbe brevettare a breve.

Ovviamente questa referenza non è al momento in produzione sebbene il marchio abbia sottolineato:

Il nostro obiettivo era creare un orologio per un uso molto specifico, utilizzando tecnologie che in futuro potessero essere riprodotte su scala industriale.

Di certo problemi di impermeabilità non se ne avranno se mai si dovesse arrivare a quel punto dato che Omega certifica l’orologio come resistente fino a 15mila metri di profondità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>