Girard-Perregaux 1966: modelli nuovi nel 2018

di Valentina Cervelli Commenta

Due nuove versioni 2018 per il Girard-Perregaux 1966: due orologi semplici ma incredibili che si aggiungono ad una speciale collezione: essa fu in grado di vincere, lasciando il segno, un concorso di cronometria che ancora oggi viene celebrato.

Senza contare poi che proprio nel 1966  l’Ossevatorio di Neuchâtel compieva 100 anni: un evento storico che venne impresso nella memoria proprio grazie alla creazione di questo orologio in particolare. Quest’anno il brand ha deciso di dare nuova linfa alla collezione attraverso due modelli con interessanti quadranti fumé finiti diversamente, e montati sulle tipiche casse della collezione extra-piatte molto tondeggianti.

La cassa della prima versione misura 40 mm di diametro mentre quella del secondo modello ne misura 36. Entrambi presentano al loro interno il Calibro GP03300 automatico di manifattura, in grado di offrire a chi li indossa circa 46 ore di riserva di carica. Esso è formato da 218 componenti e presenta delle platine e ponti satinati, smussati e decorati a côtes de Genève. Le funzioni di ore, minuti, secondi al centro e data in una finestrella a ore 3 sono offerte in una forma classica. Il modello dalla cassa più fine viene considerato più adatto ad un polso femminile e pur non presentando la data aggiungono degli indici formati da diamanti taglio brillante incastonati nella lunetta.

I Girard-Perregaux 1966 hanno anche un’altra caratteristica importante: per la prima volta i quadranti fumé sono stati montati in una cassa di acciaio inossidabile e non solo in quelle composte di metallo prezioso. In entrambi i casi la cassa è protetta da zaffiro antiriflesso con fondo visibile , un’impermeabilità di circa 30mt ed un cinturino in pelle di alligatore nera per il modello più piccolo e grigia per l’altro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>