Andreas Strehler Trans-Axial Remontoir Tourbillon

di Valentina Cervelli Commenta

Estetica e tecnica al top: potrebbe bastare questo per descrivere un orologio come l’Andreas Strehler Trans-Axial Remontoir Tourbillon, un segnatempo molto particolare sotto ogni punto di vista ed adatto a veri intenditori del mondo dell’orologeria.

Anche perché un prezzo di 182 mila franchi svizzeri non è alla portata di tutti. Ma questo non stupisce data la precisione ricercata dal brand che come già accaduto con altri modelli in passato ha deciso di spendere tutto quel che poteva nella ricerca della perfezione. Le 78 ore di riserva di carica (circa) dell’Andreas Strehler Trans-Axial Remontoir Tourbillon lo rende appetibile per la sua tenuta nonostante le complicazioni inserite e la presenza di un doppio bariletto la cui energia prodotta dal tourbillon viene regolata grazie un dispositivo di forza costante.

In questo specifico caso esso è il Remontoir d’égalité messo specificatamente a punto da Andres Strehler dove l’energia fornita dalle molle dei due bariletti viene accumulata in una molla che agisce su un braccio satellite tenuto in posizione da una ruota a stella. Dove uno dei denti poggia sulla pietra parte della paletta dello scappamento.

Cosa avviene quindi? Ogni secondo il braccio rilascia la ruota stellare e essa ruotando di un dente fa salire il braccio del satellite di sei gradi in avanti mentre un dente rimane bloccato contro la pietra facendo ricominciare il ciclo ricaricando la molla che dà energia allo scappamento? Complesso? Forse, ma la forza trasferita allo stesso è costante ed in questo modo l’orologio perfetto nel suo scandire il tempo.

A tutto questo si aggiunge un sistema di ricarica manuale brevettato dal brand. Unito alla finezza estetica del suo quadrante ed alla preziosità degli elementi si può volere di più?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>