Andersen Genève Perpetuel Secular Calender 20th Anniversary

di Valentina Cervelli Commenta

L’Andersen Genève Perpetuel Secular Calender 20th Anniversary, sarà una delle anteprime che verranno presentare a BaselWorld 2017: si parla di una serie limitata di soli 20 esemplari e di un orologio non adatto a tutti ma che senza dubbio rientra tra i più interessanti realizzati in questi anni.

Questo perché la complicazione del calendario secolare di cui questi accessori sono dotati, permette di correggere automaticamente quello che è il classico “errore” del calendario gregoriano e quindi di regolare, non manualmente, il passare dei mesi e degli anni bisestili come accade con la quasi totalità degli orologi: il suo calendario perpetuo è tra i più recisi.

Al suo interno, trova spazio nella cassa in platino di 42,5 mm un movimento meccanico a carica automatica con modulo “calendario perpetuo secolare” sviluppato e realizzato da Andersen Genève. Tecnicamente si parla quindi di 28.800 alternanze/ora ed una riserva di carica di 40 ore). L’Andersen Genève Perpetuel Secular Calender 20th Anniversary Limited Edition è in grado di offrire questa precisione estrema su 400 anni grazie a una ruota di 50 denti che avanza di un “passo” ogni 8 anni . Il calendario perpetuo secolare è visibile su 3 contatori posti sul lato fondello: ciclo dei 4 anni su 48 mesi, ciclo dei 400 anni a lancetta che ruota due volte ogni secolo e ruota secolare con un unico giro in 400 anni. Incredibile vero?

Esteticamente, va ammesso, non è forse un orologio per tutti: il quadrante è in oro blu guilloché a mano e mostrail sole, la luna e 5 pianeti incisi a mano in oro bianco e il logo Andersen Genève. Unica vera pecca in un modello estremamente di lusso come questo? L’impermeabilità fino a 30 metri. Il cinturino è in pelle di alligatore cucito a mano con fibbia in platino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>